Del taglia e cuci sulle altrui vite

Sono lievemente nauseata dagli arrabbiati per forza, dagli arrabbiati in posa.
Dei cattivi ragazzi della domenica e delle ragazze che si comportano da dure anche mentre fanno la spesa alla Coop.
Ho un’ammirazione genuina semmai per quelli che cercano un senso e un modo per non finire abbruttiti dal gran marasma che è la vita per tutti, ma cercano questo senso senza calpestare gli altri e le loro vite, senza giudicare tutto, tagliando e cucendo abiti che poi non sono disponibile ad adattare anche sono visibilmente troppo stretti e fuori dal tempo.
Il punto è che per vivere come cani con la rabbia non ci vuole molto impegno basta lasciarsi andare nel fiume nero di tutto quello che non va cercando sempre il colpevole più evidente e vicino a te, ma lo dicono anche nei gialli :Il colpevole non è sempre il maggiordomo!Provare a canalizzare quella rabbia che spesso proviene da motivi sacrosanti semmai è il difficile. Cercare di non lasciare che nessuno strumentalizzi la rabbia ma vederla per quello che è esattamente: qualcosa che può portarci a cambiare quello che non ci piace. Non me la sento di dare la colpa a tutto ciò che di nuovo esiste, dai social agli apericena (il nome è brutto questo si), come se fosse un’emanazione di Satana, credo che come sempre sia questione di buon senso e perchè no di buon gusto.
Che poi sono arrivata alla conclusione ,misera per molti, che l’unica cosa che ha davvero senso fare è cambiare le cose che non ci piacciono partendo dalle mura di casa nostra e proseguendo. Personalmente ho passato un lungo periodo delusa dal “fuori” a guardarmi l’ombelico, oggi so che le due cose (il fuori eil mio ombelico) possono perfettamente coesistere e che se un determinato modo di affrontare i problemi o le questioni sociali non mi piace o non mi appartiene non devo far altro che girarmi e cercare, salterà fuori qualcuno come me o in qualche caso sarò io da sola a fare esattamente quello che mi sembra il caso di fare.
Gradisco molto le critiche quando sono costruttive ma scappo a gambe levate da quelli che fanno a pezzi la vita degli altri e le loro passioni,per una presunta superiorità culturale o perchè hanno bisogno di fare i sagaci a tutti i costi.
Consapevole delle maschere che ho portato e che in parte ancora porto guardo con incredibile ammirazione quelli che sono, e semplicemente brillano di luce propria

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...